DANTE ALIGHIERI Châteaux de la Loire

La Dante de Tours
Qui sommes nous?
Les cours d'italien
La culture italienne
Les voyages
Histoires d'Italie
Liens
Informations légales


HISTOIRES D'ITALIE



Par Philippe Frigeri

GALEAZZO  CIANO

Ciano 1938
Match du 27 octobre 1938


Nato il 18 marzo 1903 à Livorno, Galeazzo CIANO :
- ha una carriera molto rapida nel fascismo fino al 1936 (ministro all’età di 33 anni)
- è  l’iniziatore dell’Asse Roma-Berlino nel 1937
- si  preoccupa della potenza crescente del III Reich dal 1938 al 1940
- in guerra, conduce la politica estera di Mussolini senza convinzione fino al 1943
- è condannato a morte e fucilato nel 1944 (all’età di 41 anni)

I/ una carriera molto veloce nel fascismo (fino al 1936)

- Galeazzo è un fascista della seconda generazione
Il padre Constanzo :
eroe della prima guerra mondiale, ammiraglio,
fascista della prima ora, nobilitato (Conte Ciano),
proprietario del giornale Telegrafo,
ministro, presidente della Camera dei Fasci e delle Corporazioni (la Camera è una creazione di Mussolini che ha soppresso la Camera dei deputati nel 1939)

- Galeazzo, nato nel 1903 :
un fisico vantaggioso
una persona ambiziosa, brillante, cinica, un amatore di vita mondana
studia il diritto e comincia una carriera diplomatica
1930 : sposa EDDA, figlia prediletta di Mussolini
1933 (30 anni) : è direttore dell’Ufficio stampa della Presidenza del Consiglio ; ha il controllo di tutti i mezzi di comunicazione : radio, stampa, cinema
1936 : (33 anni) : diviene Ministro degli Affari Esteri

II/ Ciano iniziatore dell’Asse Roma-Berlino (1937)

dal 1922 al 1935 la politica estera dell’Italia seguiva una linea tradizionale d’intesa con la Francia e l’Inghilterra
Ciano è convinto del declino irrimediabile delle democrazie - è anche preoccupato di assicurare il suo prestigio - Ciano spinge al ravvicinamento con la Germania hitleriana, la guerra civile spagnola gli darà l’occasione ( 70.000 combattenti italiani rimpatriati di Etiopia, 6500 combattenti tedeschi, V.E. III proclamato imperatore di Etiopia il 9 maggio 1936)

Ciano è il vero iniziatore dell’ Asse Roma-Berlino, partecipando agli eventi seguenti :
Ottobre 1936 : viaggio di Ciano a Berlino
Novembre 1936 : dichiarazione solenne di Mussolini a Milano
Settembre 1937 : visita di stato di Mussolini in Germania, discorso in tedesco nello stadio olimpico di fronte a 800.000 persone
Novembre 1937 : l’Italia aderisce al Patto anti Komintern

III/ Ciano e la potenza crescente del III Reich (1938-1940)

1938
11 marzo 1938 : ANSCHLUSS, Hitler occupa l’Austria, Ciano comincia a preoccuparsi della potenza crescente della Germania
Maggio 1938 : Hitler si reca in Italia e propone un’ alleanza militare al Duce. Ciano capisce che l’Italia sarà trascinata nella guerra senza essere pronta economicamente e militarmente ; e Ciano capisce che l’Italia sarà relegata a un ruolo di satellite del Reich
Mussolini sapeva che l’Italia non era pronta – anche se diceva il contrario nei suoi discorsi infiammati- ma pensava di avere il tempo e che non ci sarebbe stata la guerra prima del 1942

1939
22 maggio 1939 : Ciano firma senza convinzione con Ribentropp il Patto d’acciaio che lega strettamente il destino dell’Italia a quello della Germania. Mussolini gioca ormai a fondo la carta nazista.
13 agosto 1939 : Ciano si reca in Austria e in Baviera ; viene a sapere con stupore che l’attacco contro la Polonia è imminente ; al suo ritorno, Ciano dice a Mussolini :
« Hitler ha deciso di picchiare, e i nostri argomenti non potranno assolutamente fermarlo »
Ciano, il Re, i capi militari, una maggioranza degli italiani, e numerosi fascisti  trattengono Mussolini dal precipitarsi nella guerra, Mussolini sceglie la non belligeranza.
Nel periodo di non belligeranza -da settembre 1939 a giugno 1940- Ciano si mostra neutrealistico e cerca di frenare la marcia verso la guerra

1940
10 giugno 1940 : Mussolini dichiara la guerra alle democrazie ; Mussolini vede che la Wehrmacht avanza in Francia e spiega a Badoglio che ha bisogno di alcune migliaia di morti per sedersi alla tavola delle negoziazioni. Ciano stesso sottomette a VE III il testo della dichiarazione di guerra, e Ciano annuncia la notizia all’ambasciatore di Francia ; François-Poncet gli risponde « c’est un coup de poignard (una pugnalata) à un homme déjà à terre », e Paul Reynaud alla radio francese parlerà di « un coup de poignard dans le dos »


IV/ Ciano nell’Italia in guerra (fino al 1943)

Ciano continua ad appoggiare la politica di Mussolini ; la disapprova ma non ha il coraggio di manifestare la sua opposizione

1943
Febbraio 1943 : Mussolini dimette Ciano dalla carica di ministro degli Affari Esteri, e lo designa ambasciatore presso il Vaticano
10 luglio 1943 : Inglesi e Americani sbarcano in Sicilia
24 luglio1943 : Ciano, alla seduta del Gran Consiglio fascista, vota la diffidenza contro Mussoliniil Re VE III fa arrestare Mussolini e designa Badoglio capo del governo
23 agosto 1943 : Ciano, che non è riuscito a fuggire in Spagna, si reca in Germania dove è condannato agli arresti domiciliari
29 settembre 1943 : Ciano è trasferito in Italia, imprigionato a Verona, nell’attesa del processo che la Republica fascista di SALO’ ha intentato contro i responsabili dell’arresto di Mussolini

V/ Ciano condannato a morte e fucilato (1944)

Gennaio 1944 : nel processo, Ciano nega di avere voluto rovesciare il fascismo, dice che pensava di salvarlo facendo rimettere l’autorità suprema al Re.
Ciano è condannato a morte, è fucilato l’11 gennaio 1944
Sua moglie EDDA riesce a fuggire in Svizzera, portando con sè il manoscritto del diario di suo marito che i tedeschi cercavano a recuperare (giornale dal 1 gennaio 1939 all’8 febbraio 1943)
Tre figli : Fabrizio 1931-2008 (memorie pubblicate 1991 : « Quando nonno fece fucilare papà », Raimonda 1935-2001, Marzio 1937-1974 (notorietà nella Roma mondana e a Capri)

PF 29/11/2018
Note : - fuggire in Spagna. Sfuggire alla polizia, alla miseria.  -... trattengono Mussolini dal precipitarsi nella guerra